sabato 3 giugno 2017

Favole al telefono, di Gianni Rodari




Anno di pubblicazione: 1962


Il signor Bianchi fa il rappresentante di commercio in giro per l'Italia sei giorni su sette, rientrando solo la domenica. Il lavoro lo tiene quindi lontano dalla famiglia e dalla figlia Caterina, ancora bambina. Per questo ogni sera alle nove le telefona per raccontarle una storia della buonanotte...



Questo l'incipit di uno dei grandi classici italiani per l'infanzia, un libro bellissimo e poetico caduto nel dimenticatoio che meriterebbe di essere riproposto ai bambini, che sono certa lo accoglierebbero con grande gioia, come hanno fatto almeno tre generazioni di italiani prima di loro.
La magica penna di Rodari ci regala storie intrise di ingegno, fantasia, positività e tenerezza, oltre a personaggi indimenticabili come Alice Cascherina, Giovannino Perdigiorno, i tre fratellini di Barletta, la strada di cioccolato,un bus magico che va dove vuole, un palazzo costruito per essere rotto...il tutto, condito con un po' di serietà e riflessione senza risultare pedante e sopratutto, mai banale.
Decisamente un libro dalla parte dei bambini!

P.S: questa recensione è volutamente cortissima: talvolta, quando un libro è così bello, le parole possono non bastare a descriverlo. E allora non c'è che leggerlo di persona.

Nessun commento:

Posta un commento