lunedì 6 marzo 2017

L'ombra del vento, di Carlos Ruiz Zafon



Titolo originale: La sombra del viento

Anno di pubblicazione: 2002

Ambientazione: Barcellona, 1945

Collegamenti con altri romanzi: è il primo libro della "Trilogia del Cimitero dei Libri Dimenticati", composta da:

- "L'ombra del vento" (2002);
- "Il gioco dell'angelo" (2008);
- "Il prigioniero del cielo" (2011);
-"Il Labirinto degli spiriti" (2016).



L'undicenne Daniel Sempere, orfano di madre, vive con il padre proprietario di un piccolo negozio di libri usati. Il giorno del suo undicesimo compleanno il ragazzo si sveglia angosciato perchè il volto della madre comincia a sbiadire nei suoi ricordi; il padre allora per distrarlo lo porta nel cosiddetto " Cimitero dei libri dimenticati", una particolare biblioteca dove vengono conservati libri sconosciuti e sottratti dall'oblio. in cui erano fatalmente destinati a cadere per farli "adottare" da qualcuno che se ne prenderà cura per sempre; la scelta di Daniel ricade su "L'ombra del vento" di Julian Carax, autore da cui il ragazzo rimane talmente affascinato al punto da cercare altri suoi romanzi, una volta terminato il primo. Peccato che non ce ne siano altri....



Una storia intensa e affascinante sul mondo dei libri e sull'amore per la lettura, visto come amore e passione per la vita stessa. Una storia non semplicissima e in alcuni casi angosciante,ma da cui non si riesce a staccarsi.
E' una cosiddetta "storia nella storia", in cui due storie ambientate in epoche diverse finiscono per svolgersi in maniera parallela e alla fine anche per intrecciarsi, in maniera talvolta non sempre lineare (e purtroppo devo dire che a volte i continui "salti" tra presente e passato stufano), dando vita a un avvincente storia che mescola giallo, avventura, amore e romanzo di formazione, con personaggi tratteggiati in maniera fine e rigorosa, di modo che anche i cosiddetti personaggi di contorno non rimangono semplicemente sulla carta, ma acquistano spessore, personalità e carattere ritagliandosi ognuno il proprio spazio all'interno della storia.
Personalmente- come potrete intuire- una storia incentrata su alcune mie passioni (i libri, i luoghi dimenticati, la Storia) non poteva non incuriosirmi fin da subito, figuriamoci poi se si parla di un "Cimitero dei libri dimenticati", dato che per me ogni libro è degno di non essere dimenticato! E devo dire che da un certo punto in poi per me la storia è passata in secondo piano: infatti la storia di Julian- che a mio avviso ricorda tanto quella dei feulleton francesi dell'800, ripetutamente omaggiati dall'autore anche nel tratteggiate l'atmosfera e l'ambientazione - non mi ha preso più di tanto, se non per completare il quadro  e far luce sul mistero che la riguardava; mi ha preso molto invece la storia della ricerca che ruota attorno ad essa, con i personaggi sempre più intrigati dalla verità e sempre più consapevoli di ciò che accadde attorno a loro, e sopratutto dei rapporti che man mano si stringono, sopratutto tra Daniel e Beatriz.
I personaggi sono indimenticabili: dal tuttofare Fermin al terribile ispettore Fumero (che ricorda molto il Javert de "I miserabili"), al misterioso e tormentato David, al mite padre di Daniel, fino ai protagonisti: Daniel e Beatriz, che si conoscono ragazzini, inizialmente non si sopportano e la cui storia si snoda per anni separatamnte per poi riunirsi pian piano nel corso del romanzo, contrapposti ai ben più tragici (con un senso di predestinazione, oltretutto) Julian e Penelope.
Decisamente un libro da non perdere: tutte le persone a cui l'ho prestato o consigliato mi hanno ringraziato!

Nessun commento:

Posta un commento