mercoledì 29 marzo 2017

Il catino di zinco, di Margaret Mazzantini



Anno di pubblicazione: 1994

Ambientazione: Roma, dagli anni '10 agli anni '90 circa




L'autrice racconta la storia (fittizia) di sua nonna Antenora, madre di suo padre, dalla giovinezza alla vecchiaia e poi alla morte..



Avevo già provato anni fa a leggere "Non ti muovere" di Margaret Mazzantini, ma non ero riuscita a finirlo vista la bruttezza della storia; poco tempo dopo, causa sollecitazione di un'amica, mi ero lasciata convincere a vedere al cinema il film tratto dal romanzo: uno dei più brutti film che abbia mai visto, una storia squallida e troppo amara per i miei gusti.
Ho lasciato quindi perdere definitivamente la Mazzantini e tutti i suoi libri, nonchè i film da essi tratti. Ma il mese scorso in un gruppo di lettura che frequento è stato sorteggiato questo primo romanzo dell'autrice...e quindi ho colto l'occasione per darle una seconda possibilità, pensando: "chissà? forse stavolta....".
Niente da fare. Stavolta la storia potenzialmente era di quelle che avrebbe potuto interessarmi, e forse anche conquistarmi, visto che attraverso la figura di una donna, Antenora, si narra la storia di una famiglia che si snoda nel corso dell'intero '900....io amo particolarmente questo tipo di storie.
E invece niente, anche stavolta quest'autrice mi ha deluso: oltre  a scrivere con uno stile a mio avviso freddo e incapace di trasmettere emozioni, anche la storia e i personaggi non vengono ben sviluppati rimanendo tutti "sulla carta", non vengono approfonditi caratteri, personalità, motivazioni, nemmeno per Antenora, la protagonista. Nemmeno di lei in fondo ci viene raccontato molto, abbiamo degli episodi di quando era bambina, poi si passa quasi subito al fugace racconto di come conosce il futuro marito, poi il matrimonio e la vita famigliare, i figli, la guerra, la vecchiaia, la vedovanza, la malattia e la morte. Ma tutto un po' come se fosse una lista della spesa, senza approfondimenti di sogni, motivazioni, sentimenti della protagonista, se non in poche occasioni, nemmeno quando le muore un figlio piccolo (anche se la preghiera che farà anni dopo alla Madonna quando i figli sono in guerra è uno dei pochi momenti che mi ha trasmesso qualcosa di questo romanzo). Figuriamoci gli altri, che restano ben più che comprimari.
Oltretutto l'autrice ha un stile freddo e indifferente, che non mi ha comunicato nulla, e utilizza un linguaggio spesso crudo e in disuso; questo di per sè non sarebbe nemmeno un difetto, ma in questo contesto si.
Insomma, direi che con la Mazzantini ho chiuso....

Nessun commento:

Posta un commento