venerdì 24 marzo 2017

Chi ben comincia

Ed eccoci, come ogni mese,al consueto appuntamento con i migliori incipit tratti dai romanzi:








"Amore mio, svegliati"
Angelica apre gli occhi e non vede nulla. La stanza è nera, il buio ha inghiottito ogni cosa.

Poi lo sguardo si abitua, e distingue i puntini di luce artificiale che filatrano dalla tapparella abbassata e, dal lato opposto, il rettangolo più scuro della port. Subito dopo, la sagoma familiare del volto di sua madre, appena sopra di lei.
L'orologio sulla mensola segna le due e ventisei minuti. Angelica si stropiccia gli occhi, cerca a tentoni l'interruttore della lampada sul comodino.
"Mamma"
Nel cono di luce morbida, il volto di Irene è scavato, ancora più duro e spigoloso di quanto appaia alla luce del giorno. E' sempre stanca ed è diventata sottile, ha la magrezza tisica e famelica di chi non sta bene. Da quando si è ammalata è diventata brutta. I capelli neri si sono spenti, sfilacciati, sembrano un casco di canapa, e gli occhi chiari bruciano sempre, come di febbre.
E' brutta e sta male, ma è pur sempre la sua mamma."


Valentina D'Urbano, "Non aspettare la notte"

Nessun commento:

Posta un commento