domenica 10 gennaio 2016

Come fu che Babbo Natale sposò la Befana, di Andrea Vitali



Anno di pubblicazione: 2013

Ambientazione: Bellano, anno non specificato.


I piccoli Tom e Carmine sono alle prese con un bel mistero; la loro amica Rebecca continua a dire che Babbo Natale non esiste, e che sono i genitori a portare i regali ai bambini, e loro le crederebbero pure, dato che gli adulti alla domanda "come si fa a dire che Babbo Natale esiste se nessuno l'ha mia visto?" non sanno rispondere. Peccato però che passando per il parco abbiano visto proprio Babbo Natale, sdraito su una panchina!
Visti i pasticci degli adulti tocca a loro indagare....







Anche se le festività sono ormai finite, non guasta questa dolce favola di Andrea Vitali, una singolare storia d'amore, magia e miracoli di Natale, come solo questo magico periodo dell'anno può far sognare a grandi e piccini.
Ed è proprio da un gruppetto di bambini che parte tutta la storia: a casa Tom riporta una discussione avuta con Rebecca a proposito di Babbo Natale, ponendo la fatidica domanda della trama e mettendo ovviamente in difficoltà i suoi genitori che riescono a cavarsi dall'impiccio con le solite arrampicate sugli specchi del caso. Che però hanno l'effetto di approfondire i dubbi del figlio, fino a quando Tom VEDE davvero Babbo Natale....certo è un po' strano, un po' dimesso se vogliamo, ma la panciona, la barba e i capelli lunghi e la camiciona rossa non possono trarre in inganno.
A questo punto a Tom, con l'aiuto dell'amico Carmine, non resta che cercare di portare a Rebecca le prove di quanto entrambi hanno visto; per tutta una serie di avvenimenti concatenati l'uno con l'altro verranno coinvolti anche i genitori, in particolare il maresciallo Capece, papà di Carmine, oltre alla maestra, al direttore Remedio e a Clotilde, donna delle pulizie in casa di Rebecca; tutti personaggi la cui caratterizzazione ricorda molto le storie di Gianni Rodari.
Il tutto sullo sfondo del lago e del paese che attende la neve e si prepara al Natale.
Una storia semplice e molto bella, a tratti anche poetica. L'ho segnalata come libro per bambini perchè può andare benissimo anche per loro.

Nessun commento:

Posta un commento