mercoledì 9 settembre 2015

Manuale del perfetto interista, di Beppe Severgnini



Anno di pubblicazione: 2008

Dal sito Rizzoli:
L'"interismo" di Beppe Severgnini, più che una esperienza di tifoseria, somiglia a qualcosa che sta tra l'esercizio spirituale e una dieta mentale ad alto tasso di autoironia e dissacrazione, un modo per raccontare l'amore per il calcio attraverso la vicenda agonistica di una squadra che in questi ultimi vent'anni - tra vittorie insperate e sconfitte immeritate - si è imposta nell'immaginario nazionale come una sorta di grande metafora del gioco e della vita.




Il libro è la raccolta dei tre precedenti libri dell’autore sulla sua squadra del cuore,l’Inter: “Interismi” (2002), “Altri interismi” (2003), “Tripli interismi” (2007), seguiti nel 2011 da “Eurointerismi”.

Che Severgnini sia un innamorato fedelissimo e orgoglioso di esserlo della squadra nerazzurra è cosa nota e l’autore lo ha dimostrato nel corso degli anni non solo con gli articoli ma anche con i libri: un amore sincero e spassionato (come spesso lo sono le passioni che nascono nell’infanzia o adolescenza), ma che permette di vedere le cose anche con occhio critico, non risparmiando critiche e difetti.
Dato che non amo il calcio e non sono fan di nessuna squadra, mi riesce difficile riassumervi qui il contenuto del libro: posso dirvi che ogni parte corrisponde a riflessioni, ricordi, omaggi ai grandi campioni, discussioni di stampo letterario (se l'Inter è Ettore e la Juve è Achille, il Milan è Patroclo o Ulisse?), analisi e critiche alle varie formazioni e ai campioni che si sono susseguiti nel corso di una storia lunga ormai un secolo.
Sono una fan di Severgnini e quindi non mi è pesato leggere questo libro nonostante la poca familiarità con l'argomento, anzi, il solito stile ironico mi ha reso la lettura molto piacevole comunque, e ho anche imparato qualcosina di più su questa squadra; mi sento quindi di consigliare il libro anche ad altri digiuni di calcio come me, ma che fossero ugualmente interessati all'argomento.





Nessun commento:

Posta un commento