venerdì 12 settembre 2014

Il tuttomio, di Andrea Camilleri



Anno di pubblicazione: 2013

Ambientazione: Roma,  estate 2012



Nonostante abbia 33 anni suonati, Arianna ha un carattere infantile ai massimi livelli, cosa che ha colpito e affascinato  il marito Giulio (con il doppio dei suoi anni) quando si sono conosciuti; ma è anche una donna bellissima e dotata di una sensualità magnetica che attrae gli uomini come calamite.
Arianna non lavora passa le giornate a gingillarsi tra estetiste, parrucchieri e divertimenti vari; e , dato che a causa di un incidente subito anni prima Giulio è ormai impotente, il giovedì vanno insieme in spiaggia e scelgono di comune accordo giovanotti a caso che possano soddisfarla sessualmente.
Ma Arianna ha un segreto che non ha confessato nemmeno a Giulio: l'esistenza del "tuttomio", una tana ricavata in un angolo della soffitta dove va a confidarsi con la sua unica amica, Stefania.
E nel corso della storia capiremo che non è certo l'unico segreto che Arianna tiene nascosto al marito....



E' il primo romanzo che leggo della serie "non di Vigata" (diciamo così) e sinceramente non mi è piaciuto molto. La bravura tipica di Camilleri si nota comunque, sopratutto nel "rimestare nel torbido" pian piano, lasciando un po' alla volta indizi, pezzi di storia della protagonista, momenti e atteggiamenti che ci fanno intuire pian piano il carattere e la situazione, oltre a invogliarci nel continuare la lettura.
Perchè, francamente, se fosse solo per la protagonista....
Che sia una povera donna psicologicamente disturbata e non-semplicemente- un'infantiloide lo capiamo già dalle prime pagine del romanzo, quando svegliandosi comincia un suo rituale personale con cui saluta sorridendo ogni minima parte del corpo: "ciao piede!", "ciao polpaccio!", "ciao Ginocchio!" ecc ecc.
Più si prosegue nella lettura, poi, più si capisce che la situazione è sempre peggio di come pensiamo, al di là della coppia "aperta" che sono Arianna e Giulio (e questo ovviamente, per quanto possa essere discutibile non è che faccia poi tanto strano); non posso addentrarmi nei particolari, ovviamente, ma come pensare altrimenti di una che ha bisogno di crearsi una tana dentro casa dove mette la sua migliore amica, ovvero una bambola?!
Arianna è il personaggio principe della storia, prorompente non solo nel fisico ma anche nei pensieri, mentre Giulio rimane più sullo sfondo e Mario (il ragazzo con cui Arianna avrà una storia) è solo il mezzo per arrivare a fare esplodere le turbe psichiche della protagonista.
Tutto sommato lo consiglierei comunque, specie se si è fan di Camilleri, per aggiungere un tassello diverso ma importante alla conoscenza di questo autore.





5 commenti:

  1. Ciao, bentrovata :-)
    Di Camilleri e di Vigata è assiduo lettore mio marito, io ho letto soltanto un romanzo del nostro amato commissario, mi è piaciuto sì, ma poi non ho letto altro. Non so, preferisco vederlo agire in tv!
    Questo romanzo sembra molto torbido e forte, una lettura particolare, forse non molto nelle mie corde, ma grazie come sempre perché mi fai scoprire romanzi inediti (per me!).
    Ciao e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, non te lo consiglierei del tutto, ci sono altri romanzi di Camilleri che meritano di più se sei neofita, oltretutto questo è pure piuttosto angosciante.Magari potrebbe piacere a tuo marito!

      Elimina
    2. Mmmm mio marito non legge molto, le uniche cose che legge sono le storie di Montalbano :P
      Grazie per il consiglio ^_^

      Elimina
  2. I romanzi di Camilleri non ambientati a Vigàta di solito non mi entusiasmano: questo infatti non ho ancora avuto voglia di leggerlo.
    Non che io pensi che l'autore dovrebbe scrivere solo e soltanto Montalbano, ma i romanzi "extra" - in genere di ambientazione contemporanea, molto depressa e deprimente - non mi forniscono le abituali soddisfazioni.
    In ogni caso, dato che di Camilleri sono una lettrice affezionata, magari hai ragione: il libro va considerato comunque.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapendo che come me sei una fan di Camilleri...in effetti, nin me la sento di sconsigliartelo. Chissà, questo potrebbe piacerti!

      Elimina