venerdì 13 giugno 2014

Chi ben comincia....

Eccoci di nuovo all'appuntamento mensile con "Chi ben comincia"...











"Il primo giorno di sole fece evaporare l'umidità accumulata sulla terra dai mesi invernali e riscaldò le fragili ossa degli anziani, cui fu possibile passeggiare per i sentieri ortopedici del giardino.
Solo il melanconico se ne rimase a letto, perchè era inutile portarlo all'aria aperta se i suoi occhi vedevano solo i propri incubi e le sue orecchie erano sorde allo schiamazzo degli uccelli.
Josefina Bianchi, l'attrice, vestita col lungo abito di seta che mezzo secolo prima aveva usato per declamare Cechov, reggendo un parasole per poteggersi l'epidermide di porcellana screpolata, avanzava lentamente fra i cespugli che ben presto si sarebbero ricoperti di fiori e api.
- Poveri ragazzi- sorrise l'ottuagenaria scorgendo un tremore sottile nel notiscordardimè e indovinandovi la presenza dei suoi adoratori, quelli che l'amavano nell'anonimato e si nascondevano fra la vegetazione per spiare il suo passaggio."

Da "D'amore e ombra", di Isabel Allende

Nessun commento:

Posta un commento