venerdì 6 dicembre 2013

Una stagione ardente, di Kathleen E. Woodiwiss


Titolo originale: A season beyond a kiss

Anno di pubblicazione: 2000

Ambientazione: Inghilterra primi '800

Collegamenti con altri romanzi: è il terzo romanzo della serie "Birmingham"


Da IBS 

 "Di famiglia nobile caduta in disgrazia, Raelynn Barrett decide d'imbarcarsi per l'America, la terra delle opportunità. Sogna un futuro migliore, ma andrebbe incontro a un triste destino se non intervenisse Jeff Birmingham, aitante e ricco uomo d'affari di Charleston. Innamorata del suo salvatore e ricambiata con passione, Raelynn è felice, ma un nemico trama nell'ombra per separarli..."


Il terzo romanzo della trilogia dei Birmingham( il secondo nell’ordine temporale della storia) è la storia di Jeff, il fratello di Brandon già apparso negli altri due romanzi:era ovvio che un personaggio così carismatico, simpatico e interessante dovesse avere una storia a sé( e francamente non capisco perché sia stata pubblicata dopo il secondo romanzo, che nell’ordine temporale della storia è il terzo, visto che narra la storia di Beau, figlio di Brandon…be insomma lasciamo perdere sennò ci si confonde)e quindi ecco qui un romanzo che lo vede come protagonista insieme alla neo moglie Raelynn. Della quale le lettrici italiane sanno ben poco,visto che come sopra detto il loro incontro è stato narrato in un romanzo non tradotto in italiano, comunque si capisce qualcosa da vari accenni durante la storia:orfana, di famiglia ricca ma ridotta in miseria,è stata salvata da un losco individuo che la perseguitava da Jeff che l’ha sposata appunto per salvarla, e la storia inizia al loro arrivo nella nuova casa:ovviamente i due sposini, attratti l’uno dall’altra non solo fisicamente, sperano che il matrimonio d’interesse si tramuti in matrimonio d’amore, ma le speranze sono bruscamente infrante dalla storia inventata dalla scaltra ( ma io credo più che altro non molto normale) servetta Nell: mi è piaciuto molto il modo in cui la Woodiwiss gioca su questa storia, trasmettendoci le sensazioni che questa rivelazione falsa provoca nei due neosposi e la loro battaglia interiore; quella di Raelynn che si sforza di credere al marito nonostante i mille dubbi e il suo desiderio di comprendere davvero la verità, quella di Jeff che cerca di convincere la moglie della sua completa innocenza e del suo amore.
La svolta clamorosa avviene ovviamente col delitto della ragazza:Raelynn si convince che sia il marito l’assassino e fugge via, quello che ha visto le sembra una prova oppugnabile…e anche qui mi è piaciuto il modo della Woodiwiss di narrare le cose,tenendo fino alla fine in sospeso sul vero colpevole…è vero, tutte leggendo penserebbero che non sia Jeff, ma in fondo solo per simpatia, per partito preso, perché si conosce il personaggio..non perché nella storia ci siano indizi contrari alla sua colpevolezza! Alla fine ovviamente tutto risolto, ma quanta apprensione!
Nella narrazione compaiono, trovando un giusto spazio, anche Heather e Brandon( protagonisti del primo romanzo), e una nota di merito meritano anche i due personaggi secondari degli amici dei protagonisti, Farrell ed Elizabeth, con una delicata e gentile storia d’amore, che mi ha interessata almeno quanto quella dei protagonisti.

Nessun commento:

Posta un commento