mercoledì 14 agosto 2013

Risveglio di passioni, di Mary Balogh


Titolo originale: Simply unforgettable

Prima pubblicazione anno:  2005


Ambientazione:  Inghilterra, prima metà dell’ ottocento.

Collegamenti con altri libri: E’ il primo romanzo della serie SIMPLY, composta da:
SIMPLY UNFOGETTABLE ( Risveglio di passioni);
SIMPLY LOVE ( Semplicemente amore);
SIMPLY MAGIC ( inedito in Italia);
SIMPLY PERFECT ( inedito in Italia)



Frances Allard, insegnante di musica a Bath nella  prestigiosa scuola della signorina Martin, sta tornando alla scuola dopo aver trascorso il Natale con le zie. La sua carrozza viene sorpresa da una tempesta di neve insieme a quella di Lucius Marshall, un gentiluomo di passaggio, e i due sono costretti a rifugiarsi in una locanda disabitata fino a quando le strade non saranno più praticabili. Qui trascorrono alcuni momenti di incontro- scontro che inevitabilmente li porta ad  esprimere l’evidente attrazione che provano l’uno per l’altra e che culmina con un’appassionata nottata tra le lenzuola. La mattina dopo devono ripartire, e Lucius propone a Frances di diventare la sua amante, ma questa orgogliosamente rifuta preferendo tornare a Bath.
Per alcuni mesi non si vedono più, nonostante ognuno di loro sia sempre nei pensieri dell’altro, ma un giorno il nonno ammalato di Lucius decide di recarsi a Bath per delle cure, e chiede ai nipoti di accompagnarlo. Il visconte acconsente per accontentare il nonno, e ad una  serata danzante rivede Frances, scoprendo che è una bravissima cantante, il cui sogno un tempo  era stato   fare la cantante d’opera. Approfittando dell’amicizia che la giovane stringe con il nonno e la sorella, Lucius torna all’assalto con la sua proposta, ma lei di nuovo rifiuta! A questo punto si capisce che dietro a questi rifiuti non c’è  solo cocciutaggine o disinteresse…






La serie SIMPLY è dedicata alle insegnanti della scuola della signorina Martin, ex governante di Freyja Bedwin. La prima protagonista è Frances, insegnante di francese e musica, dalla vita regolare come un orologio che  in realtà nasconde un temperamento focoso e passionale dominato dalla passione da sempre coltivata per la musica e il canto.A causa di vicende che scopriremo nel corso del romanzo, Frances è però stata costretta a rinunciare alla vita che desiderava ed ha dovuto accontentarsi del modesto impiego come insegnante, peraltro per lei comunque gratificante.

Tutto ciò fino all’evento che le cambia la vita, l’incontro-scontro con Lucius, in una cornice che più romantica non si può ( e questa prima parte secondo me è la migliore del romanzo): cosa ci può essere di più affascinante che condividere alcuni giorni in una locanda isolata con un affascinante sconosciuto che risveglia in lei emozioni sopite da tanto tempo, tanto da credere  di non essere fatta per quel tipo di vita…Frances è una donna matura, forte, indipendente, consapevole che spesso i sogni rimangono tali, per questo quando si tratta di fare una scelta non si lascia trasportare dai sentimenti, ma dalla ragione. Sa che con fatica e fortuna ha trovato un posto in cui lavorare e non dover chiedere nulla a nessuno, e che non tutte le donne hanno questo privilegio: non se la sente di rinunciare a tutto ciò per un qualcosa  di così improvviso, seppur così bello e travolgente. E’ un personaggio insieme semplice e complesso, per i sentimenti che prova e le scelte che farà nel corso della storia, e credo che molte lettrici si potranno riconoscere in lei, nella sua voglia di amore e indipendenza allo stesso tempo.
Il personaggio maschile, Lucius, è altrettanto appassionante ma un poco più aderente al solito eroe da romanzo, anche se la determinazione con cui persegue il suo scopo di conquistare la nostra eroina è davvero notevole e notevolmente romantica! ( e, aggiungo io, a volte pure scocciante…ma davvero non gli balenava per la testa che potevano esserci ragioni serie per quei rifiuti?!).
Molto bella e interessante l’ambientazione dove si svolge la storia, cioè Londra e soprattutto Bath, dove ha sede la scuola della signorina Martin; e una nota di merito riguarda i personaggi secondari ( il nonno e la sorella di Lucius, le zie di Frances, le amiche-colleghe della scuola, compresa la direttrice) che molte volte mi hanno coinvolto molto più dei protagonisti. Il tutto narrato col consueto “stile Balogh”che molte fan del romance tanto amano.

Nessun commento:

Posta un commento