martedì 15 gennaio 2013

Un raggio di sole per Jenny, di Carolyn Davidson


Titolo originale: The seduction of Shay Deveraux

Anno di pubblicazione negli USA: 2001

Collegamenti con altri romanzi: E’ il secondo romanzo della serie I FRATELLI DEVERAUX, formata da:

1-LOVING KATHERINE (La sposa del Nord);
2- THE SEDUCTION OF SHAY DEVERAUX ( Un raggio di sole per Jenny);
3- THE MARRIAGE AGREEMENT ( L’usignolo del Mississipi)


Da quattro anni Jenny Pennington,rimasta vedova durante la Guerra di Secessione,manda avanti to di una famiglia di ex schiavi e facendo enormi sacrifici, la piantagione lasciatale dal marito Carl.Ma i risultati sono così scarsi che Jenny sarebbe sicuramente costretta a vendere tutto se non fosse per l’improvviso e provvidenziale arrivo di uno sconosciuto:Shay Deveraux, ex commilitone e amico del defunto, al quale in punto di morte aveva promesso di prendersi cura della moglie e del figlio.
E ora,anche se con un po’ di ritardo,Shay mantiene la promessa:lavora sodo alla piantagione, apportando anche modifiche e scelte da esperto ( essendo lui stesso appartnenetne a una famiglia di proprietari terrieri),e grazie a lui le cose migliorano sempre più, ragion per cui Shay continua a rimandare la data della partenza.
Col passare del tempo tra lui e Jenny nasce l’amore e si sposano, ma il passato di Shay l’ha segnato in modo irrimediabile, e Jenny dovrà usare tutto il suo amore e la sua pazienza per riportare la pace nel suo animo tormentato.



Questa è una storia d’amore dolce, gentile e delicata diversa da quelle basate sulla passione che spesso si trovano nei romance;la passione tra i due protagonisti non manca ma non è dominante:l’autrice punta più sui sentimenti personali che uniscono Shay e Jenny,dapprima la stima e la gratitudine, poi l’amore che nonostante tutto emergerà senza fretta tra i due,sviluppandosi soprattutto dopo il matrimonio,grazie alle difficoltà con cui sarà messo alla prova.
Shay è un uomo tormentato nel fisico ( una lunga cicatrice gli deforma il viso)e soprattutto nell’animo dai ricordi della crudeltà della guerra,della terribile prigionia patita, degli amici morti e degli uomini che ha dovuto uccidere costretto dalle circostanze.Dopo la guerra per un breve perido era tornato a casa, ma non aveva funzionato, tutto era troppo cambiato, compreso lui stesso;quindi è ripartito,vagabondando per quattro anni attraverso gli Stati uniti, portando con sé solo i suoi tormenti,fino a quando un improvviso scrupolo di coscienza lo spinge a mantenere la promessa fatta in punto di morte all’amico e a raggiunger quindi la piantagione.
Qui conosce Jenny, la vedova:una donna dolce, gentile e solare ma anche forte e coraggiosa, che si è trovata catapultata dalla vita ovattata che conduceva prima della guerra alla sforzo immane di mandare avanti la piantagione per sé stessa e per il figlio a costo di innumerevoli sacrifici.Ma come detto Jenny non si lascia travolgere da tutto ciò al punto di cambiare sé stessa;in realtà è lei il vero raggio di sole a cui il titolo italiano si riferisce, un raggio che illumina l’animo tormentato dell’uomo che ama riconciliandolo con la vita e la sua famiglia d’origine.
Molto bella l’ambientazione nella piantagione in rovina che poi rinasce, e molto belli e ben delineati i personaggi secondari:Isabelle e noah coi figli ( cioè gli ex schiavi rimasti ad aiutare Jenny, ormai più amici che servitori), la famiglia Deveraux( i cui personaggi compaiono negli altri libri della serie, che io non ho letto), e il padre di Jenny, un vecchio solo e triste, che beneficerà anche lui della ventata di novità portata da Shay.

Nessun commento:

Posta un commento