martedì 22 gennaio 2013

Madama Sbatterflay, di Luciana Littizzetto



Anno di pubblicazione: 2012


"Non ci resta che ridere, care madame sbatterflay.
Anche se lo spread sale e il walter scende, e a noi rimane solo il bandolero stanco, il nostro bell'addormentato nei boxer. Anche se in tempi di vacche magre (beate loro!), i politici fanno a gara a chi la combina più grossa, se Emi(nens) non paga l'Imu, il Berlu alza i tacchi, e l'uomo del Monti dice no. Se siamo passati dall'onorevole Bocchino all'onorevole Passera. Se certa gente non sa più cosa inventarsi: lo scaldawalter e il pisciavelox, i preservativi firmati e il certificato di garanzia per la jolanda. Se Belén va con Belìn, Carlà è sempre più snob e George Clooney sempre più tronco di pino..."

Torna la Lucianina Nazionale, come sempre in forma, acuta,pungente, ironica nel raccontare vizi e virtù di uomini, donne, politici, personaggi famosi dello spettacolo, manie e invenzioni di ogni tipo.
Lo stile e l’impostazione del libro sono le solite, ma per me è sempre un paicere e uno spasso leggere le opinioni della comica su certe cose, anche perché a dire la verità spesso combaciano;e tra tante cavolate, si trova il tempo anche di essere seri e dedicare un capitolo- serio- al problema della violenza sulle donne.
Ecco i capitoli che mi sono piaciuti di più:
“Cinquanta sfumature di maron”: non poteva mancare il parere di Lucianina sul caso editoriale dell’anno, “50 sfumature di grigio”…dal titolo del capitolo si capisce già come la pensa!


“Emi e IMU”: perché la Chiesa non deve pagare l’IMU?!

“La Mooncup”: questo è un argomento dell’anno scorso e infatti ne avevo parlato sul blog vecchio, riferendomi all’intervento della Littizzetto nel programma di Fazio che aveva scatenato una marea di polemiche da parte delle utilizzatrici di questo aggeggio che solo a vederlo fa passare la voglia di provarlo;

“La Carlà operaia” e “il grand cul della Carlà”: un po’ di sano sputtanamento per una delle donne più antipatiche del pianeta!

“Caro Mr. Gi”: sulla passione irrefrenabile della nostra per George Clooney.

4 commenti:

  1. E' forte la Littizzetto, un mito!
    Non poteva non parlare delle 50 sfumature di grigio ahahah immagino cos'abbia potuto scrivere!
    Mi hai incuriosita cara.. quasi quasi lo compro! ^_^

    RispondiElimina
  2. Un piccolo assaggio solo per te...

    "La cosa sorprendente di questi libri è che nonostante Cri e Ana ne facciano più di Maria Schneider e Brando in "Ultimo tango a Parigi", il linguaggio è pulitissimo. Non dicono mai "Culo",per dire.Eppure con quell'attrezzo ci lavorano per 1500 pagine.Parlano come Monti e la Fornero.Lui la chiama piccola, e poi le fa delle robe che manco Madame Brutal."

    "Il bello è che lui è pure violento e aggressivo,uno da denunciare per stalking, tant'è che io alla fine speravo che almeno morisse, crepasse tra atroci sofferenze, che si schiantasse con quel cacchio di aereo privato o che gli si seccasse il walter e gli cadesse in autunno assieme alle castagne...."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah oddio "gli si seccasse il walter..." ahahah è troppo forte la Lucianina!
      Grazie per queste citazioni :-)
      Purtroppo ancora non comprendo perché questo libro abbia avuto così successo... misteri dell'editoria :-/

      Elimina
    2. quasi quasi me lo leggo anche io...per pura curiosità...

      Elimina