giovedì 3 gennaio 2013

Io & la scrittura: storie e musica


Nei miei racconti, alla fine inserisco sempre  una parte intitolata “colonna sonora di questo racconto”.
Infatti dovete sapere che solitamente, quando scrivo o immagino una storia, immagino anche molto altro: per quanto riguarda i personaggi, caratteri fisici e caratteriali, come sono vestiti, cosa gli piace, quali sono i suoi ideali e varie altre cose; per quanto riguarda l’ambientazione devo ammettere che faccio più fatica, spesso ho ben in mente un certo tipo d ambientazione ma non so descriverla, non sono mai stata brava con paesaggi  e ambienti, al massimo anche lì mi vengono in mente paesaggi presi dai film.
Una parte importante che purtroppo non sono mia riuscita a riprodurre su carta è inoltre la colonna sonora della storia: un insieme di canzoni o musiche che fanno da sottofondo a scene e momenti del racconto, proprio come in un film.
Come scelgo queste canzoni?
Ecco, solitamente non sono io a scegliere loro ma loro a scelgiere me; si presentano alla mente mentre sto pensando a un dato personaggio o una data scena e si inseriscono da sole…certamente qualche criterio ci vuole: se ambiento un racconto negli anni ’60, non prendo certo canzoni di anni seguenti; se ambiento un racconto nell’800, non penso a canzoni del ‘900.
Le canzoni non sono fisse in ogni storia, alcune volte sono poche (come nel racconto appena scritto, sono solo due), altre volte sono troppe e mi tocca toglierne. Per quanto riguarda i personaggi poi, posso dire che sono loro stessi quando si presentano alla mia mente a presentami le loro canzoni preferite..e quindi posso io cambiare i loro gusti?

 
Notare che poi spesso ci sono anche canzoni che non mi piacciono o che conosco poco(per esempio la canzone di Bob Marley inserita nel racconto di cui sopra)….eppure entrano nella storia lo stesso, perché si adattano a una particolare situazione o un particolare personaggio.Insomma,come dire, è proprio vero quello che dicono alcuni scrittori sul fatto che a volte sono i personaggi che prendono vita propria e guidano l’autore

Nessun commento:

Posta un commento