domenica 7 ottobre 2012

Lezioni di seduzione, di Emma Wildes

Titolo Originale: Lessons from a Scarlett Lady

Anno di pubblicazione: 2011

Ambinetazione: Inghilterra, fine '800

Da pochi mesi sposata con Colton, duca di Rolthven, l’affascinante Brianna già vede qualcosa che non va nel suo matrimonio; non per mancanza di amore da parte sua o del marito, quanto piuttosto per l’eccessiva rigidità del duca e la scarsa propensione a lasciarsi andare affettivamente palrando, anche nell’intimità.
Alla ricerca di una soluzione a questo problema, la duchessa si imbatte in I CONSIGLI DI LADY ROTHBURG, un libro scritto anni prima da una ex cortigiana che dava consigli alle giovani e inesperte lady su come risvegliare e tenere vivo l’interesse dei propri mariti, esplorando anche i piu’ intimi dettagli del rapporto di coppia; libro che all’epoca dell’uscita fece così scandalo che fu immediatamente ritirato, in quanto considerato troppo indecente. Ma a Brianna tutto ciò non importa, e pensando possa servirle lo compra. Dopo averlo letto avidità comincia a mettere in atto, uno alla volta e in diverse occasioni, i consigli della scandalosa lady, con notevole successo: non solo Colton comincia a perdere la sua aria compassata e a lasciarsi andare, ma la stessa Brianna scopre aspetti della propria personalità e della propria femminilità che mai avrebbe pensato di possedere.
Nel frattempo Rebecca, amica di Brianna, subisce le pressioni dei genitori che vorrebbero si sposasse al più presto, ma lei è innamorata di Robert, fratello di Colton, che contrariamente a lui è un noto libertino certamente per nulla interessato al matrimonio; ma, complice un casuale bacio durante una festa, sembrerebbe che qualcosa tra loro cambi. Ma ovviamente il libertino viene preso da mille dubbi, e a Rebecca non resta che chiedere in prestito il libro a Brianna…chissà che non possa contenere qualche consiglio utile anche per lei?




Vi è mai capitato di leggere un romance che sia allo stesso tempo divertente, sensuale, sagace? Se no, vi consiglio questo romanzo di Emma Wildes, un’autrice che non conoscevo ma che è stata una piacevole scoperta.
Un libro, si sa, sempre utile per trovare spunti di riflessione anche su esperienze personali, ma per Brianna, la nostra protagonista, rappresenta davvero la soluzione ideale: Lady Rothburg è una famosa cortigiana ritiratasi dopo un buon matrimonio, che anni prima scrisse un libro in cui elargiva consigli su ogni aspetto della vita di coppia, sia sentimentale che sessuale, che risultò per questo talmente scandaloso da essere ritirato subito e completamente bandito; ma Brianna si imbatte in un volumetto dimenticato su uno scaffale di una libreria di libri usati e dopo averne sbirciato il contenuto e aver risolto qualche lieve dilemma morale, decide di acquistarlo e leggerlo
Il matrimonio di Brianna con Colton è stato un matrimonio d’amore e felice, ma nonostante tutto alla giovane coppia manca qualcosa; lui è troppo compassato, troppo perbene, troppo tranquillo anche nei momenti di passione…insomma, la neo moglie sente l’esigenza di fare qualcosa per scuoterlo un po’ e convincerlo a lasciarsi andare, dimostrandole in maniera evidente quanto ci tiene a lei.
E così Brianna, personaggio molto incisivo non solo per la sua bellezza ma per il suo carattere intraprendente e pieno d’iniziativa (una vera eroina d’azione, nonostante nel libro non ci siano vicende avventurose), prende in mano la situazione e,seguendo alla lettera gli espliciti consigli di Lady Rothburg,piano piano riuscirà nel suo intento, mettendo in atto una serie di iniziative che sconvolgeranno in positivo la vita del compassato Colton, portando però anche a qualche equivoco che rischia di rompere l’armonia della coppia; equivoco che diverte il lettore, che già sa come stanno le cose in realtà.
Stessa importanza l’autrice dà a quella che in realtà è la vicenda di sottofondo, quella che riguarda Rebecca, amica di Brianna e talentuosa musicista, e Robert, fratello di Colton che è tutto il contrario di lui: tanto Il primo a è serio, posato e irreprensibile, tanto il secondo è libertino e scavezzacollo. Rebecca è da sempre innamorata segretamente di Robert, ma non solo lui non si è mai accorto di lei; il padre della ragazza, che peraltro preme affinchè si sposi alla svelta, non accetterebbe comunque una proposta da parte sua per via di un antico torto di cui accusa- ingiustamente- il giovane; anche la storia tra Rebecca e Robert si sviluppa in modo lento, casuale ma credibile, delineando molto bene caratteri e sentimenti di entrambi i personaggi. Anche Rebecca in fatto di intraprendenza e personalità non ha nulla da invidiare all’amica e mi sono particolarmente piaciute le scene in cui le due amiche si scambiano consigli e aggiornamenti sulle rispettive situazioni sentimentali, e in particolare anche qualche opinione sui consigli di Lady Rothburg, che a questo punto possiamo considerare protagonista indiretta della vicenda.
Le due vicende si intrecciano senza sovrapporsi, divertendo, intrigando il lettore (a me personalmente metteva più voglia di leggerlo man mano che proseguivo nella lettura!) e lasciandoci anche sospirare sulle scene sentimentali e di passione che, vi assicuro, abbondano…l’autrice scrive molto bene, ho apprezzato molto la sua abilità non solo a tessere la trama e a creare siparietti tra i vari personaggi , ma anche nel delineare in modo preciso e “sentito” (nel senso che lo si può percepire a pelle) caratteri, personalità e sentimenti dei vari personaggi, anche quelli secondari, come la formidabile nonna di Colton e Robert , l’imprevedibile mamma di Rebecca, personaggio che riserverà qualche sorpresa nel corso della lettura, e Damien, il fratello di mezzo, quello che si ritrova a sfruttare le sue doti di mediatore e di spia che solitamente mette al servizio della Corona Inglese negli affari amorosi dei fratelli e delle rispettive compagne….
Inoltre, nel caso interessasse a qualcuna, ogni capitolo inizia con un consiglio di Lady Rothburg…visti i successi ottenuti da Brianna e Rebecca, vale la pena darvi un’occhiata anche per quello, no?


Nessun commento:

Posta un commento