giovedì 25 ottobre 2012

Io & la scrittura: i personaggi

Ed eccoci qui a parlare di come nascono loro, i protagonisti delle storie, ovvero i personaggi.
Come nasce un personaggio?
Per quanto mi riguarda, posso dire che, nella mia esperienza, un personaggio non “nasce”, propriamente parlando, ma si presenta all’autore già perlomeno abozzato in qualcosa (fisico o carattere) e con una storia da raccontare che affida alle mani dell’autore. Insomma, un po’ come i famosi “sei personaggi in cerca d’autore” pirandelliani (passatemi il paragone “colto”!).
 

Fatta eccezione ovviamente per i personaggi delle fanfiction, che essendo già esistenti solitamente vengono mantenuti allos tato originale seppur con qualche cambiamento.
Gli altri solitamente vengono da me curati più nel carattere e nella personalità che nel fisico; anche perché spesso,come avrete letto in passato – e vale anche per questi racconti che sto postando-la mia passione cinematografica influisce a tal punto che molto spesso già quando immagino un personaggio lo immagino col volto dell’attore che mi paicerebbe lo interpretasse al cinema (so che non si dovrebbe….ma per me è così!).
Per me il carattere, la personalità e il modo di agire e di porsi del personaggio vengono sempre prima dell’aspetto fisico, tant’è vero che non sono mai riuscita a delineare bene l’aspetto fisico di qualcuno nella sua totalità, e quindi ho sempre lasciato perdere le descrizioni fisiche, se non veramente necessarie.
I miei personaggi, una volta delineati, prendono vita propria, con gusti e comportamenti loro; soprattutto mi viene molto facile delineare i gusti personali, e a volte mi stupisco di quanto spesso risultino esere diversi dai miei- anche se altrettante volte sono simili!- .
Quando parlo di gusti personali, intendo cantanti, canzoni, film, libri, modo di vestire, a volte preferenze per uno o l’altro di altri personaggi presenti nella storia.
Nelle mie storie inoltre,oltre ad una prevalenza di storie d’amore, si nota che do molta importanza al rapporto tra fratelli o fratelli-sorelle; a volte  creo nche famiglie numerose, mi paice quando ci sono tanti figli, anche se non sempre vanno d’accordo! Sopratutto adoo i rapporti tra fratello e sorella,magari sorella molto più piccola, probabilmente perchè ho sempre desiderato avere un fratello.
Insomma, ogni personaggio ah il suo mondo, e io come loro “mamma”, tendo sempre a rispettarlo per non snaturarli.
Anche se, come purtroppo a volte succede, ci sono personaggi a cui mi affeziono di più e quindi magari succede che risultino più curati, o comunque si capisce da come butto giù la storia; per alcuni non so essere proprio obiettiva, tant’è vero che mi succede anche di creare personagggi per cui poi non riesco a trovare una storia adatta, tanto mi piacciono!
(lo so, non sono tanto normale….)
Ad esempio, ho creato un personaggio bellissimo, Sara, che adoro veramente,di cuis o già praticamente tutto….e che acnora attende una collocazione, dato che pur avendo pensato a varie storie, non ne ho ancora trovata una che mi soddisfacesse per lei; finora ho trovato solo storie drammatiche, visto che Sara nasce come personaggio drammatico, però vorrei una storia drammatica ma a lieto fine….
Per quanto riguarda gli altri personaggi,mi sono affezionata tantissimo ad Emily, un personaggio della fanfiction SWEENEY TODD, a tutti i protagonisti della fanfiction MIO FRATELLO E’ FIGLIO UNICO (compreso il cane Spartaco, personaggio da me inventato in quanto non presente né nel libro né nel film), e ad altri di cui non ho mai scritto le storie e poverini..li ho abbandonati
Che madre snaturata….

1 commento:

  1. Per quanto riguarda me nasce prima la storia e poi i personaggi ed è naturale che ci si affezioni di più a uno di loro, piuttosto che ad altri! Anch'io comunque lavoro sul carattere e lascio un po' in secondo piano il fisico, sebbene anch'esso sia importante per far sì che il lettore immagini il personaggio così come lo immaginiamo noi! ^_^
    Un abbraccio e buon weekend

    RispondiElimina