martedì 18 settembre 2012

La stagione dell'arcobaleno, di Lisa Gregory



Titolo orginale: The rainbow season

Ambientazione: Stati Uniti, 1870


 
La tranquilla cittadine di Willow Springs viene improvvisamente scossa dalla notizia che Luke Turner è tornato dopo aver passato ( ingiustamente, ma nessuno gli crede) cinque anni in prigione per stupro.
Il suo ritorno alla vita in città non è certo semplice:oltre all’ingiusta accusa per cui è stato in prigione pesa su di lui il fatto di provenire da una famiglia di ubriaconi fannulloni, per cui quando comincia a cercare un lavoro tutti glielo rifiutano. L’unico a fidarsi di lui è Henry McGown, che vive nella propria fattoria con la moglie e la figlia Sarah; egli lo assume come bracciante e da subito Luke, che ama lavorare, dimostra che la sua fiducia è ben riposta.
Sarah McGowan, la figlia di Henry,è una giovane donna di 25 anni( due più di Luke)dolce e carina, che si occupa con gioia della casa in cui vive coi genitori e spesso anche di quella della sorella maggiore, sposata e con tre bambini. La sua apparenza maschera però una personalità a tratti inquieta e insoddisfatta: nonostante l’amore che prova per la sua famiglia Sarah, vissuta all’ombra della bellissima sorella, vorrebbe dalla vita qualcosa di più di quel ruolo di simpatica e gentile zitella ormai affibbiatole dalla famiglia e dalla comunità.
Tuttavia la sua esistenza scorre serena e anch’essa come il padre accoglie Luke con affetto e amicizia, al punto che egli ne è doppiamente turbato, non solo per il fatto di sentirsene attratto ma anche per paura di fare qualcosa di sbagliato che possa allontanare da lui le uniche persone che gli hanno dato una seconda possibilità.
All’improvvisa la tragedia:i genitori di Sarah muoiono e lei si ritrova sola, senza la minima idea di come si manda avanti una fattoria, tuttavia decisa a non darsi per vinta. Anche Luke è disperato:dove andrà ora?Il padre di Sarah era l’unico che gli avesse offerto un lavoro;il suo futuro è veramente nero, senonchè, dopo qualche perplessità, i due giovani si accordano per un matrimonio in bianco, al quale entrambi otterranno dei vantaggi:lei potrà rimanere nella sua casa e mandare avanti la fattoria, lui avrà per la prima volta nella sua vita una vera casa e un lavoro sicuro, come tutti.
La loro decisione suscita ovviamente molto scalpore, non è approvata praticamente da nessuno, familiari e concittadini;ma Sarah e Luke, insieme contro tutti, affronteranno ogni difficoltà e durante la storia troveranno molto di più di quello che si aspettavano all’inizio del loro cammino insieme.




La storia narrata in questo romanzo va al di là della solita storia d’amore:è anche la storia del cammino spirituale ed esistenziale dei due protagonisti che, partendo da una situazione di svantaggio particolare( lei considerata una povera zitella, lui ex carcerato)e alleandosi non solo troveranno l’uno nell’altra l’amore, ma riusciranno anche a realizzarsi come individui, vedendo i loro sogni e aspirazioni divenire realtà grazie a un duro lavoro ( anche interiore)senza dover per forza cambiare sé stessi.
Sarah ( che io ho trovato u personaggio davvero splendido)è infatti una tipica donna americana dell’800, ma con sentimenti e inquietudini che possono considerarsi attuali. Vissuta all’ombra della bellissima sorella maggiore viene ormai considerata una scialba zitella, e costretta perciò a sopportare i tentativi dei familiari di accasarla con un noiosissimo pretendente al solo scopo di vederla sistemata;ma lei ambisce a qualcosa di più di una semplice sistemazione:vuole qualcosa che possa sentire suo, una casa da accudire, una famiglia sua, e soprattutto vuole essere amata per sé stessa e non solo perché è una buona casalinga.
D’altro canto Luke è a sua volta un uomo tormentato, segnato da un’ingiusta detenzione e dal fatto di appartenere a una famiglia di buoni a nulla, e per questo sin dall’infanzia emarginato da tutti. A nessuno interessa conoscerlo, dargli una possibilità, vedere che è una persona onesta;è convinto che quel marchio gli resterà attaccato per sempre. Per questo quando gli viene offerta una nuova opportunità dal padre di Sarah, egli è diviso in due:da un lato la gioia di poter bastare a sé stesso, dall’altra la paura di fare qualcosa di sbagliato che lo marchi definitivamente agli occhi di tutti.
Egli si comporta così soprattutto con Sarah, dalla quale è subito attratto:non la vede come la solita scialba zitella ma come una donna unico, intelligente, dolce e affettuosa, con dei propri pensieri e desideri. Ed è inizialmente convintocce se lei capisse i suoi sentimenti si sentirebbe offesa e lo disprezzerebbe.
L’accordo a cui daranno vita li aiuterà a capirsi e soprattutto a svelarsi l’una all’altro;la loro storia è quindi ricca di sentimenti profondi e veri, che li avvicinano a noi anche se vissuti più di un secolo fa.

Nessun commento:

Posta un commento