giovedì 23 agosto 2012

Nessun'altro amore, di Shannon Drake

Titolo Originale: No Other Love

Anno di pubblicazione : 1997
 

Ambientazione: Scozia-Stati Uniti d’America, 1876.


E’ l’ultimo romanzo della serie NO OTHER,composta da:
1- No other man ( Nessun’altro uomo);
2- No other woman ( Nessun’altra donna);
3- No other love ( Nessun’altro amore).



Trama: E' stato solo un malinteso, uno sciocco fraintendimento: la ragazza che gli è piombata in camera nel cuore della notte non era una prostituta in servizio alla locanda, ma una fanciulla terrorizzata, pronta a tutto pur di non ricadere nelle mani del suo patrigno. Eppure quel malinteso ha marchiato un'impronta indelebile nel maggiore Sloan Trewlany, ufficiale di cavalleria nelle cui vene scorre anche sangue sioux. E un segno ancora più determinante lo ha lasciato su Sabrina Connor, la cui intera esistenza è stata modificata dagli imprevedibili eventi di quella fatale notte. Sebbene la donna cerchi di rifarsi una vita lontano dal West, nel cuore delle sperdute Highlands scozzesi, la magia di quel fortuito incontro la segue ovunque. Per un bizzarro scherzo del caso, Sloan riconpare infatti sul suo cammino proprio lì, a mille miglia dai selvaggi territori del Dakota in cui i loro due popoli danno vita a un epico e tragico scontro. Forse, il destino ha già tracciato per i due giovani un piano ben definito...
Dopo un tempestoso e inusuale incontro amoroso Sloan, affascinante ufficiale dell’esercito americano di origine Sioux, e Sabrina( sorella di Skylar, protagonista del primo romanzo della serie) sono convinti di non rivedersi mai più, fino a quando con grande imbarazzo di entrambi si rincontrano in Scozia,dove scoprono le rispettive identità:lui è amico di Falco, il cognato di Sabrina,e di lei abbiamo già detto…
Le cose si complicano ulteriormente quando Sabrina scopre di essere incinta e, con riluttanza,si convince a sposare Sloan, che nonostante tutto non ha nessuna intenzione di abbandonare lei e il loro figlio.
Quando purtroppo Sabrina perde il bambino pensa di chiedere l’annullamento, ma lui rifiuta,deciso a costruirsi una vita e una famiglia con lei ad ogni costo e oltre ogni ragionevole dubbio.Perciò Sabrina è costretta a seguirlo in america e, nonostante le innumerevoli proteste, a vivere con lui nel forte dove alloggia insieme agli altri membri della cavalleria e alle loro famiglie.
Condividendo la sua vita Sabrina arriva a provare per il marito qualcosa di più che una semplice attrazione, ma non le è facile esternarlo;d’altro canto pur tenendo duro ha i suoi momenti di debolezza.
Ma come si sa il vero amore vince su tutto, anche sui pregiudizi e sulla guerra, costi quel che costi.




L’ultimo romanzo della serie racconta la storia di Sabrina e Sloan, entrambi legati da vincoli di affetto fraterno ai due protagonisti del primo romanzo, Falco e Skylar.
Premettendo che non ha ancora letto i primi due romanzi della serie, devo dire che ho trovato questo romanzo molto particolare.
Tra i due protagonisti mi ha molto colpito Sloan( e non solo per ovvi motivi femminili…siamo donne, suvvia!).La Drake è riuscita a rendere molto bene questo personaggio:un uomo coraggioso, che nella sua vita ha sempre dovuto lottare per farsi rispettare ( è figlio di un indiano e di una donna bianca che dopo la morte del marito era tronata a vivere con la famiglia d’origine);il fatto di essere riuscito a conquistarsi un posto nel mondo diventando ufficiale non è comunque una garanzia, perché nonostante la stima e la simpatia di cui gode fra i colleghi i pregiudizi spesso riaffiorano, ora in veste di un altro ufficiale che lo accusa di fare il doppio gioco a favore delgi indiani, ora in veste di un’ex amante che non ha voluto sposarlo per via delle sue origini Sioux.
Oltre a ciò Sloan è diviso tra due culture, quella indiana e quella americana;le ama entrambe perché ha saputo vedere e assorbire i lati positivi di ognuna, ma è dolorosamente consapevole del fatto che solo una delle due prevarrà.La storia d’amore tra lui e Sabrina mette in luce anche la sua mentalità aperta:tratta la donna come una sua pari, preferisce ragionare con lei cercando di farle vedere le cose da un punto di vista diverso, quando lei si ribella è comprensivo ma lascia anche che sia lei a cavarsela da sola, accorrendo in suo soccorso solo quando ce ne è bisogno.
Anche Sabrina è un bel personaggio sebbene a volte sia davvero troppo ostinata e capricciosa!La sua vita non è stata certo facile, nonostante le apparenze( ricordo che le vicissitudini delle due sorelle sono state narrate nei due libri precedenti),e proprio quando sembra che possa trovare un po’ di serenità e di assestamento ecco che un errore sconvolge la sua vita…ancora una volta si vede costretta a lasciare l’unica persona rimastale al mondo e a partire per una nuova vita in una terra a lei ignota e con un uomo da cui è attratta ma che decisamente spesso non sa come prendere.
Anche per lei non sarà molto facile vincere i pregiudizi e fare chiarezza in sé stessa riguardo ai propri sentimenti per il marito ( anche perché, diciamoci la verità:con l’ex amante di Sloan sempre tra i piedi a seminare zizzania cosa avrebbe dovuto pensare?!).
Il motivo per cui, come dicevo all’inizio, ho trovato il romanzo molto particolare è che affronta in modo serio la problematica della cotta fra indiani e Stati Uniti d’America fornendo a tratti anche chiarimenti storici e soprattutto trattando entrambe le culture in modo imparziale e rispettoso, evidenziandone i pregi e i difetti
Tra i personaggi secondari compaiono anche personaggi storici, come il generale Custer e Cavallo
Pazzo.

Nessun commento:

Posta un commento