lunedì 16 aprile 2012

Orgoglio e pregiudizio, di Jane Austen

Titolo originale: Pride and prejudice

Prima edizione: 1813

Nell’Inghilterra di fine ‘700 la vita della famiglia Bennett( genitori e cinque figlie)vien sconvolta dall’arrivo nella vicina proprietà di un simpatico gentiluomo, Mr Bingley,e del suo arrogante e borioso amico, Mr Darcy.Il prima s’innamora ricambiato della dolce Jane, la maggiore delle Bennett, ma l’altezzoso Darcy e le sorelle di Bingley complottano per separarli , in quanto non apprezzano la famiglia di lei( troppo plebea per i loro gusti).Nonostante tutto Darcy non ha fatto i conti con la forza dei sentimenti in quanto s’innamora della bella, intelligente e spigliata Elizabeth, sorella di Jane;quando arriva a confessarglielo,lei lo respinge facendogli notare quanto lo ha sempre disprezzato per la sua altezzosità e per i suoi modi boriosi.Ma in seguito sia Darcy che Elizabeth avranno modo di conoscersi meglio e rivedere le proprie opinioni e i propri sentimenti.

Cosa dire di questo romanzo amatissimo dai lettori di ogni tempo che non sia già stato detto? Nulla, e infatti qui mi limiterò a dare il mio modesto parere su uno dei grandi capolavori della letteratura.
E chi mi conosce bene, sa che non può che essere un parere “di parte”: adoro questo romanzo!
Ritengo che la storia narrata da questo romanzo sia molto più ampia della semplice storia d’amore tra Elizabeth e Darcy a cui spesso viene ricondotta; è infatti anche la storia di una tipica famiglia della borghesia del ‘700,delle sue difficoltà quotidiane non solo per maritare le cinque figlie(viene evidenziato più volte il problema, e se vogliamo l’ingiustizia,del fatto che pur avendo cinque figlie alla morte del padre la proprietà di famiglia passerà nelle mani di un lontano cugino,il parente maschio più prossimo, che avrà così potere di decidere della vita delle donne di famiglia),dello stile di vita e abitudini quotidiane di un piccolo paese della campagna inglese dell’epoca.
Niente ambientazioni spettacolari dunque:Jane Austen era donna di grande intelligenza e in quanto tale si rendeva conto che è meglio scrivere solo di quello che si conosce bene…ma il tutto narrato con tale abilità fin nelle più minime descrizioni,che sembra davvero di assistere a una storia unica e speciale.
E che dire dei personaggi?Come dimenticare,una volta chiuso il libro,l’ansiosa e ipocondriaca Mrs Bennett, il caustico Mr Bennett,l’affettato Mr Collins,la bisbetica e dura Lady Catherine, la dolce Jane, la sciocca Lydia, e soprattutto l’intelligente Elizabeth e l’orgoglioso Darcy,che maturano e cambiano nel corso della storia senza perdere snaturarsi?
Basta così..tutto quello che ho scritto è davvero troppo riduttivo,sia rispetto a quello che provo nei confronti di questo romanzo sia rispetto alla bellezza del romanzo stesso.Chi lo conosce mi capirà;e chi non lo conosce…bè spero di averlo comunque incuriosito al punto da spingerlo a leggere questo libro!


2 commenti:

  1. Eeee ma tu mi parli di una delle mie autrici preferite in assoluto! Hai mai visto per caso "Becoming Jane"? Bellissimo film con Anne Hathaway che tratta (liberamente) della vita di Jane Austen. Dei film che citi tu, a parte Il diario di Bridget Jones ho visto quello con lo splendido Colin Firth appunto e quello più recente con Keira Knightley, ma il film del '95 mi è piaciuto di più. Il libro, beh, che dire, l'ho letto un centinaio di volte e sono pienamente d'accordo con te. Spesso e volentieri quando si pensa a Orgoglio e Pregiudizio si pensa soltanto alla storia tra Elizabeth e Mr. Darcy (vedi il film C'è posta per te), ma i romanzi della Austen raccontano molto molto di più.

    RispondiElimina
  2. Anche per me Jane Austen è una delle mie autrici preferite!
    Ho visto tutti i film tratti dai suoi romanzi, tranne MANSFIELD PARK, e ho visto anche BECOMING JANE, anche se non mi è piaciuto poi molto. Se ti interessa qui ci sono le mie recensioni sul blog dei film:

    http://dalromanzoalfilm.blogspot.it/search/label/Jane%20Austen

    RispondiElimina