martedì 27 marzo 2012

Tatiana e Alexander, di Paullina Simmons

Titolo orignale:Tatiana and Alexander
Prima pubblicazione anno:  2003

Ambientazione:  Stati Uniti / Unione Sovietica, 1945-1948

Collegamenti con altri libri:  è il secondo romanzo della trilogia  TATIANA E ALEXANDER.

Dopo essere riuscita in modo rocambolesco a fuggire dalla Russia devastata dalla guerra, Tatiana arriva negli Stati Uniti dove dà alla luce Anthony, figlio suo e dell’amato Alexander, che lei crede morto in Russia. Nella nuova patria comincia per lei  la tanto agognata nuova vita: lavora come infermiera all’ospedale di Ellis Island ( dove è stata accolta la suo arrivo), fa nuove amicizie, abita in una vera casa tutta per sé e il figlio…insomma la vita all’insegna della libertà e della pace che tanto sognava quando in patria divideva due stanze con la sua numerosa famiglia, sotto il regime staliniano.
Nonostante tutto la sua felicità è ora incompleta : della sau famiglia lei è l’unica rimasta, non ha nemmeno più il suo grande amore…la sofferenza per questo l’attanaglia, anche se deve farsi forza per  il figlioletto. Ma in un angolino del suo cuore e della sua mente un dubbio si insinua atroce: e se in realtà non fosse tutto finito? Se Alexander non fosse davvero morto? Se la realtà fosse diversa da quella che tutti credono? Il suo cuore le dice che è impossibile che un grande amore finisca così…e infatti senza saperlo Tania ha ragione: Alexander in realtà non è morto, ma si trova prigioniero in Russia della terribile polizia staliniana, in  attesa che venga eseguita la condanna a morte stabilita dal tribunale per tradimento e spionaggio.
Il dubbio di Tatiana diventa una certezza e la giovane donna decide di tornare in Russia a cercare il marito…
Il secondo, attesissimo capitolo della  serie creata da Paullina  Simmons non delude le aspettative che tanto aveva creato IL CAVALIERE D’INVERNO : è un romanzo che, pur mantenendo le stesse caratteristiche narrative e non modificando la natura dei personaggi, ci fa percepire che il clima è cambiato completamente. C’è la pace e Tatiana comincia una nuova vita che prima non avrebbe nemmeno immaginato, piena di lavoro, ma anche di amicizie, di soddisfazioni, di affetti: la serenità che le dà questo tipo di vita convive col dolore atroce che il ricordo di tutto ciò che ha perso le porta. Tatiana in questo romanzo è più matura, resa forte dalle terribili prove cui la guerra l’ha sottoposta, dalla fuga in America e dal fatto di essere diventata mamma, al tempo stesso manifesta la sua fragilità nel ricordare continuamente l’amato Shura, i momenti indimenticabili trascorsi insieme, l’amore grandissimo che li ha uniti; ed è proprio la fede in questo amore uno dei punti di forza di questo personaggio, ed  è anche il motore della vicenda ( un po’ un terzo protagonista). E’ grazie a lui che Tania trova il coraggio di dare di nuovo una svolta alla sua vita andando a cercare Shura, così come lui l’aveva cercata a Lazarevo nel primo libro, alla fine dell’assedio.
La parte che riguarda Alexander è un poco ripetitiva: nel corso della storia l’uomo rivede tutta la sua vita attraverso vari flashback ( veniamo così a scoprire tutta la storia  dei suoi genitori e le scelte che hanno preceduto  la storia narrata nel primo libro), ma capiamo andando avanti nella lettura che le dure esperienze attraversate hanno provato anche lui: ora è un uomo maturo, consapevole della sofferenza della vita, e tormentato dai ricordi del suo amore fortissimo, dal non sapere cosa ne sia stato di Tania e del bambino. Insomma non lo ritroviamo cosi stravolto, ma con punte di sofferenza e carattere che aggiungono qualcosa in più al  personaggio.
Come detto la storia si compone di vari flashback, oltre a riprendere alcune situazioni già proprie del primo libro. Lungi dall’essere ripetitivo però questo romanzo ci permette, oltre che di ritrovare dei personaggi amatissimi, di  vedere una bellissima storia d’amore crescere superando ostacoli dolorosi. Personalmente trovo che sia un libro di speranza.
Nota bene: le prime edizioni del romanzo pubblicate da Sonzogno contengono un capitolo finale che anticipa la trama di IL GIARDINO D’ESTATE ( THE SUMMER GARDEN), il terzo capitolo della serie. Nelle edizioni successive questo capitolo è stato eliminato,infatti all’epoca delle prime edizioni l’autrice non aveva ancora deciso di scrivere un terzo libro.

Nessun commento:

Posta un commento